Motori sincroni e asincroni

I motori elettrici si suddividono in macchine statiche e macchine elettriche rotative, o rotanti; queste ultime possono essere utilizzate per trasformare energia meccanica in energia elettrica oppure viceversa.

I motori elettrici possono funzionare in corrente alternata (motori AC) oppure in corrente continua (motori CC).

Motore a corrente alternata: che cos’è e come funziona

Come indicato dal nome che li identifica, i motori AC sono caratterizzati dal fatto di utilizzare la corrente alternata. Presentano al loro interno una serie di bobine in cui passa la corrente che genera un campo magnetico rotante.

Le parti principali del dispositivo sono:

  • statore (il componente che rimane fisso nella macchina);
  • tamburo;
  • rotore (il componente che ruota).

Il rotore è collegato a un albero che trasmette l’energia meccanica ottenuta dalla trasformazione dell’energia elettrica.

Tali motori a corrente alternata si suddividono in: monofase, bifase, trifase, sincrono e asincrono.

Motori sincroni e asincroni: quali sono le differenze

I motori sincroni sono così chiamati perché al loro interno il rotore si muove in perfetta sincronia con il campo magnetico rotante dello statore: si parla, quindi, di velocità sincrona.

Nei motori asincroni, invece, la velocità angolare del rotore è inferiore rispetto a quella del campo magnetico rotante.

Nell’articolo ci soffermiamo sulla spiegazione del funzionamento delle due tipologie per metterne in evidenza differenze e rispettivi vantaggi.

Il motore asincrono è chiamato anche “motore a induzione” perché il campo magnetico dello statore induce corrente elettrica nel rotore per induzione elettromagnetica, secondo quanto descritto dalla legge di Faraday.

Motori di questo tipo sono utilizzati in contesti in cui non è necessaria una grande potenza.

Il motore sincrono si differenzia dall’asincrono anche perché richiede l’uso di un inverter (convertitore statico).

Dove si usano motori sincroni

I motori sincroni sono adatti ad applicazioni che richiedono una velocità di rotazione estremamente stabile e precisa.

Un esempio di applicazione riguarda i veicoli elettrici così come quella che li vede collocati nelle macchine di sollevamento degli ascensori.

Vantaggi dei motori elettrici sincroni

I principali vantaggi dei motori elettrici sincroni sono:

  • efficienza;
  • silenziosità;
  • compattezza.

Vantaggi dei motori asincroni

I più importanti benefici dell’utilizzo di motori asincroni sono:

  • semplicità di esercizio;
  • ingombro ridotto a parità di potenza;
  • manutenzione necessaria ridotta;
  • sovraccaricabilità;
  • rendimento elevato.

SCRIVICI O CHIAMACI DA QUI

VAI ALLA PAGINA CONTATTI

Motore gearless vs motore geared per ascensori: le differenze

Gli ascensori possono essere dotati di macchina di trazione geared oppure gearless.

Quando parliamo di soluzioni per la movimentazione verticale negli edifici, i termini ‘motore gearless’ e ‘motore geared’ emergono frequentemente nelle ricerche degli utenti interessati a questa tecnologia.

Tuttavia, è importante chiarire che, in ambito tecnico, questi sistemi sono più correttamente definiti come “macchine di trazione gearless” e “geared”. Questo perché il motore rappresenta soltanto una componente del sistema complessivo di trazione degli ascensori.

Le parole inglesi “geared” e “gearless” esprimono la differenza tra le due tecnologie usate nella movimentazione verticale in diversi edifici.

Il sostantivo “gear” significa “ingranaggio”. Dunque, nel primo caso, secondo quello che suggerisce l’inglese, abbiamo macchine di trazione con un “ingranaggio”, nel secondo “senza ingranaggio”.

Nell’articolo raccontiamo che cosa significa e quali altri aspetti differenziano le due tipologie di macchine gearless e geared per ascensori.

Per parlare direttamente con noi, oppure per scriverci, clicca qui.

Qual è la differenza tra macchine geared e macchine gearless

Sia gli ascensori con macchine di sollevamento geared sia quelli con macchine di sollevamento gearless sono ascensori a trazione composti da un argano, cioè un macchinario per la trazione.

A differenza del modello geared, nelle macchine di trazione gearless, non è presente il riduttore, ossia l’assieme di ingranaggi che riduce la velocità del motore aumentando la coppia e permettere così di muovere il carico.
Questa caratteristica comporta anche altre differenze delle macchine di sollevamento gearless rispetto alle geared.

Le riportiamo qui sotto.

Collocazione del motore e della macchina

I sistemi di sollevamento senza riduttore presentano una diversa collocazione della puleggia lungo la quale scorrono le funi di trazione che muovono la cabina.

Negli ascensori con riduttore, quindi con trazione a ingranaggi, la puleggia e l’intera macchina sono generalmente inserite all’interno della sala macchine, che va prevista in fase di progettazione dell’edificio.

Diversamente, le macchine senza riduttore nascono per essere MRL, cioè ascensori “machine room less”, che non hanno quindi necessità di una sala macchine. Qualora però fosse già presente un locale adibito per la macchina di trazione, è possibile posizionare il gearless sul telaio già presente adattandolo con semplici interfacce.


Quando la sala macchine non è necessaria

Se la sala macchine non c’è, il risparmio di spazio è notevole e questo è possibile con le macchine gearless, grazie al loro ingombro ridotto costituito da un minor numero di componenti rispetto alla macchina a riduttore ed una elevata efficienza del motore.

Consumi energetici e macchine di sollevamento

I motori gearless sono vantaggiosi sul piano del risparmio energetico.

Rispetto alle macchine geared, i gearless hanno dimensioni ridotte, questo perché a parità di sistema di sospensione è possibile utilizzare una macchina di dimensione inferiore, limitando non solo gli ingombri, ma anche il rumore e le vibrazioni.
Ecco, dunque, il risultato: una maggiore efficienza del sistema grazie ad una riduzione dei consumi energetici.

 

Se è gearless, è più comodo

Gli argani per ascensori senza riduttore, rispetto ai “colleghi” con riduttore, assicurano un livellamento al piano in qualsiasi condizione di carico.
Assicurano accelerazioni e decelerazioni meno brusche, sono meno rumorosi e garantiscono il massimo comfort in cabina.

La manutenzione delle macchine di sollevamento

La manutenzione è più onerosa per gli ascensori con riduttore perché gli elementi interni di questo tipo di dispositivi richiedono manutenzione periodica per il cambio dell’olio.

Nei motori gearless, invece, non si fa uso di olio o lubrificanti di alcun genere e questo permette di diminuire gli interventi di manutenzione da effettuare.

Abbiamo visto quindi che rispetto alle macchine di trazione geared, i gearless assicurano alcuni vantaggi importanti:

  • ingombro limitato;
  • risparmio energetico;
  • elevata efficienza del motore;
  • ridotta manutenzione.

La scelta tra l’una e l’altra tecnologia deve essere valutata in base alle caratteristiche strutturali dell’edificio e alle esigenze specifiche.

Contattaci da questa pagina

Le buone caratteristiche di un argano per ascensori

Ricordiamo la definizione di “argano”

L’argano è il motore dell’ascensore, tipicamente elettrico, il cui compito è quello di trasmettere il movimento di salita e di discesa alla cabina.

Quali sono le principali caratteristiche che dovrebbe avere un argano per ascensori?

  • Alta qualità meccanica e di scorrimento: un argano di alta qualità garantisce un funzionamento fluido, con accelerazioni e decelerazioni graduali per garantire il massimo comfort in cabina.
  • Albero veloce e lento alloggiato su bronzine: questa caratteristica assicura un funzionamento efficiente dell’argano;
  • Corona in bronzo: contribuisce alla durabilità e all’affidabilità dell’argano;
  • Vite temperata in profondità e rettificata dopo trattamento termico: questo processo aumenta la resistenza e la durabilità della vite;
  • Servo freno regolato da elettromagnete silenzioso e dotato di ceppi largamente dimensionati per ridurre gli spazi di frenata: questo tipo di freno garantisce un funzionamento silenzioso e sicuro dell’ascensore;

Gli argani SICOR

Gli argani di Sicor sono prodotti internamente utilizzando tecnologie di ultima generazione.
I modelli storici della serie MR di Sicor, opportunamente aggiornati per rispondere alle richieste del mercato, sono stati affiancati dalla serie SH, dove la semplicità delle operazioni di manutenzione, la rapidità di installazione e la facilità di smontaggio e rimontaggio, costituiscono un’ottima soluzione sia per le nuove installazioni che per gli ammodernamenti.

In aggiunta a queste serie, al fine di rispondere alle esigenze del mercato, è da poco stato creato il modello SV110, che sulla base delle componenti chiave del modello SH110, garantisce qualità, prestazioni eccezionali ed estrema competitività. Grazie al montaggio esclusivo in verticale è possibile sfruttare al meglio lo spazio disponibile senza la necessità di scegliere il lato puleggia.

Le serie sono costruite in conformità alle Direttive 2014/33/UE, 2014/30/UE, 2006/42/CE e alle Norme EN 81-20, EN 81-50, EN 12015, EN12016, IEC 60034-1.

SICOR offre un’ampia scelta di opzioni tra argani tradizionali e macchine gearless progettate per offrire soluzioni avanzate e sicure per qualsiasi tipo d’impianto di sollevamento a trazione elettrica.

Con una capacità produttiva di oltre 45.000 macchine all’anno, SICOR è in grado di soddisfare le numerose e differenziate esigenze del mercato.

Tutti questi modelli sono dotati di numerose opzioni ed esecuzioni speciali disponibili su richiesta.
Scopri di più sulla linea Geared.

Ammodernamento degli argani: stato dell’arte e tendenze

Sicor ammodernamento degli argani

Tanti i benefici grazie alla sostituzione della macchina a riduttore con macchina gearless

Ad oggi, in Italia, la maggior parte degli ammodernamenti delle macchine di trazione degli ascensori è conservativa e consiste nel sostituire l’argano/macchina a riduttore esistente, tipicamente con motore a 2 velocità (AC2), con un argano / macchina a riduttore di nuova generazione, qualche volta con motore a 2 velocità (AC2) ma più spesso con motore VVVF ed inverter.

La sostituzione di macchina a riduttore con motore AC2 con macchina a riduttore con motore VVVF con inverter è una soluzione che, a parità di sistema di sospensione (1:1), permette l’utilizzo di una macchina di taglia inferiore con motore di potenza inferiore, limitando quindi non solo gli ingombri ma anche la taglia dell’inverter associato e soprattutto la potenza contrattuale dell’impianto.

Nella maggior parte degli ammodernamenti, date le corse e le velocità dell’impianto in essere, si riesce ad ottenere un buon comfort in cabina anche in configurazioni ad anello aperto, quindi senza utilizzo di retroazione (encoder), limitando dunque il costo della nuova soluzione che resta comunque una soluzione “datata” e non “green” a causa della presenza di olio.

La tendenza degli ammodernamenti è la sostituzione della macchina a riduttore con macchina gearless, principalmente perché quest’ultima è caratterizzata da:

  • elevata efficienza del motore a magneti permanenti che si traduce in ridotto consumo;
  • ridotti ingombri che ne permettono il trasporto, l’installazione e l’utilizzo in qualsiasi impianto;
  • massimo comfort in cabina derivante a una regolazione più precisa della macchina gearless in anello chiuso che soddisfa le esigenze      specifiche di impianto;
  • re-livellamento al piano in qualsiasi condizione di carico;
  • minimo livello di rumore e vibrazioni costante nel tempo (assenza di rotismi/ingranaggi soggetti ad usura);
  • assenza di olio e lubrificanti;
  • ridotta manutenzione;
  • dotazione di freno certificato sia contro l’eccesso di velocità della cabina in salita che contro i movimenti non comandati della cabina con porte (UCM), che significa aumentare la sicurezza dell’impianto originario;
  • nessun limite di velocità cabina;
  • nessun limite di corsa.

La macchina gearless è costituita da un motore a magneti permanenti, detto motore coppia perché in grado di fornire elevata coppia in uscita all’albero a basse velocità, esattamente come fa il riduttore a vite senza fine delle macchine a riduttore, ma senza avere alcun rotismo/ingranaggio interno che non solo è soggetto ad usura ma anche non idoneo ad elevate velocità poiché caratterizzato da vibrazioni e rumore.

La macchina gearless è, in buona sostanza, una macchina “essenziale”,  costituita da un minor numero di componenti rispetto alla macchina a riduttore (solo motore a magneti permanenti, puleggia di trazione, freno ed encoder) quindi con minor possibilit di guasto ed usura.

In particolare, il freno che viene assemblato sulle macchine gearless è certificato sia contro l’eccesso di velocità  della cabina in salita che contro i movimenti non comandati della cabina con porte (UCM), quindi costituisce un componente di sicurezza secondo la EN 81-20:2020 dato che agisce direttamente sullo stesso albero della puleggia di frizione (che è sostenuto staticamente in 2 punti).

Ciò significa che l’impianto su cui viene installata la macchina gearless è già dotato di questo componente di sicurezza “free of charge” che quindi permette l’incremento della sicurezza dell’impianto stesso, a differenza di quanto accade con le macchine a riduttore per le quali il freno di sicurezza sull’albero lento è un’opzione di costo importante.

Con le macchine gearless, già dotate di elevato rendimento tipico dei motori a magneti permanenti, si utilizza sempre più spesso un inverter con modulo rigenerativo che durante il funzionamento della macchina, che funziona da generatore, invia l’energia resa nella rete che può essere quindi utilizzata per alimentare carichi elettrici dell’edifico, portando ad un aumento considerevole del rendimento energetico dell’intero ascensore.

Per ottenere il massimo beneficio economico dall’utilizzo della macchina gearless è consigliabile modificare il sistema di sospensione da 1:1 in 2:1 poiché ciò permette la selezione di una macchina di taglia inferiore limitando in modo significativo i costi della sostituzione dell’argano originario.

La macchina gearless, essendo caratterizzata da un design estremamente compatto, consente un facile trasporto e posizionamento in sala macchine senza necessità di smontaggio parziale, come accade con le macchine a riduttore. E’, inoltre, possibile il posizionamento della macchina gearless su telai esistenti con semplici interfacce/adattatori.

Impianto da ammodernare:
Carico nominale: 480kg
Sospensione 1:1
Velocità cabina: 1m/s
Corsa: 22m
Ammodernato con macchina gearless ed inverter rigenerativo.

Nel caso di ammodernamento con sostituzione della macchina a riduttore con supporto esterno della puleggia di trazione (configurazione molto frequente in impianti “datati”) con una macchina a riduttore di nuova generazione è opportuno verificare, attraverso i dati di impianto, la migliore configurazione possibile per evitare soluzioni costose non necessarie.

Numerose vecchie serie di macchine a riduttore erano sempre caratterizzate da un supporto esterno dell’albero lento, detto anche terzo supporto, la cui corretta installazione non era affatto banale. Allineare 3 supporti implica messe in opera estremamente accurate che, in caso presentino anche minimi disallineamenti, potrebbero ridurre drasticamente la vita della macchina stessa, se non addirittura pericolosi danneggiamenti di albero e cuscinetti.

Le macchine a riduttore attuali presentano carichi statici elevati rispetto alle serie precedenti e, per questo motivo, risulta quasi sempre ingiustificato l’uso del terzo supporto. Inoltre, nelle macchine con terzo supporto, strutture iperstatiche, l’eventuale freno certificato sull’albero lento non è riconosciuto dalla EN 81-20:2020 come componente di sicurezza poiché, nonostante agisca sullo stesso albero della puleggia di frizione, quest’ultimo è sostenuto da più di 2 punti.

Esempi di ammodernamento da geared a gearless

Articolo di Elisabetta Gasperini su ANACAM Magazine

Estensione di garanzia a 5 anni

Estensione garanzia Sicor 5 anni

Promessa mantenuta: garanzia di 5 anni dal 1 settembre 2022.

Con orgoglio possiamo affermare di aver mantenuto la promessa fatta nei mesi scorsi.

Grazie alle soluzioni all’avanguardia che permettono un miglioramento costante della nostra produzione e grazie al nuovo packaging che preserva e assicura l’integrità delle nostre macchine dal trasporto fino all’installazione, tutte le macchine Sicor in consegna dal 1 settembre 2022 avranno la garanzia estesa a 5 anni.

GEE Global Elevator Exhibition – Appuntamento a Milano nel 2023

GEE Milano 2023 Sicor

Anche grazie al nostro contributo, con orgoglio annunciamo che la più importante manifestazione internazionale del settore ascensoristico approda a Milano dal 15 al 17 novembre 2023. 

Un’occasione di incontro per parlare di futuro, innovazione tecnologica, design e sostenibilità, al quale parteciperemo con grande entusiasmo.

Siamo orgogliosi di far parte di questo evento che rappresenta una vetrina di eccellenza per il mercato della mobilità verticale ed orizzontale. GEE si propone come una piattaforma internazionale di scambio, confronto e approfondimento sulle tematiche più attuali del settore, come il futuro, l’innovazione tecnologica, il design e la sostenibilità. Parteciperemo con grande entusiasmo e condividiamo con voi la nostra visione: Sicor – Driving the Future!

Vi aspettiamo tutti dal 15 al 17 novembre 2023 a Fiera Milano (Rho) presso lo STAND E21. Venite a scoprire le nostre soluzioni innovative e entrate a far parte della nostra community. Non mancate! Sicor – Driving the Future!

#GEE2023 #SicorItaly #DrivingTheFuture

Nuovo Packaging, trasporto sostenibile, macchine ancora più protette

Sicor new lift motor pack

Dal mese di maggio le macchine SICOR avranno un nuovo packaging, evoluto, sicuro, resistente e realizzato con materiali totalmente riciclabili, a conferma ulteriore del nostro costante impegno nel rispetto dell’ambiente.

Il nuovo imballo avrà dimensioni inferiori rispetto al precedente e riduce fino al 20% gli ingombri. È dotato inoltre di un sensore visivo in grado di monitorare e segnalare eventuali cadute.

Il nuovo packaging sarà disponibile per tutti i modelli geared della serie SH110, SH130, SH140, MR12C, con pulegge fino a diametro 600mm e gearless fino al modello SG30 con puleggia fino a 320mm, oltre a tutti i modelli serie SGS.

La qualità dei nostri prodotti e le loro performance sono ancora più al sicuro perché ce ne prendiamo cura fino al momento dell’utilizzo.

ESTENSIONE DI GARANZIA GEARLESS

Quality Sicor 36 month warranty

La qualità è una cosa seria! Facciamo affidamento sulla forza, la potenza e le prestazioni delle nostre macchine Gearless. Pertanto, abbiamo esteso fino a 36 mesi la nostra garanzia su tutti i nuovi prodotti fabbricati in Italia.